parco di villa boldetti
Scopri Iglesias!

Parco di Villa Boldetti: piccolo gioiello verde nel centro di Iglesias

Il Parco di Villa Boldetti è un giardino di quasi un ettaro e mezzo che, originariamente, faceva parte di un appezzamento di oltre 14.000 metri quadrati.

Ho scoperto il Parco di Villa Boldetti, qualche anno fa, grazie a un’amica, Silvia. Quest’anno, ci sono tornata durante la manifestazione Monumenti Aperti.

Questo parco cittadino è sotto la custodia e la cura dell’Associazione Gremio Vignaiuoli, Tavernai, Calzolai e Armati delle Vigne. Da diversi anni organizzano attività ricreative per bambini, attività didattiche per le scuole, iniziative per le persone diversamente abili, sagre cittadine aperte a tutti e, all’interno del parco, hanno creato spazi dove poter leggere in tranquillità all’ombra di un albero o divertirsi a qualche gioco di società con gli amici.

Famiglia Boldetti: curiosità
La Famiglia Boldetti, ricca e molto popolare nell’industria, arrivò in Sardegna nel 1860 quando Re Vittorio Emanuele gli diede la convenzione per la lavorazione della legna.
Nei primi anni del 1900 fecero costruire la loro personale villa di 700mq, tra via Cattaneo e via Trexenta, con annesso un parco di 14.000 mq. È stata un magnifico esempio dell’epoca, di edificio in stile liberty.
La famiglia Boldetti, oltre ad essere molto importante sul fronte del lavoro, ha avuto una certa influenza a livello culturale, per la creazione di alcuni punti focali della città di Iglesias.

Gli uomini di questa importante famiglia si occupavano degli affari, mentre le donne erano solite organizzare il loro famoso “Tè delle Signore Boldetti” per la raccolta fondi.
Accoglievano gli ospiti in una grotta artificiale, fatta costruire appositamente per questi incontri, dotata di fioriera e uccelliera con tantissime specie di volatili e fiori tropicali. Grazie a questo, insieme alla croce rossa, hanno costruito l’Asilo Infanzia e Patria per gli Orfani di Guerra, hanno partecipato alla realizzazione del Cinema Electra (oggi conosciuto come Teatro Electra) e alla costruzione del Liceo Scientifico Asproni.

I proprietari, la vendettero nel 1938, all’Ente Principe di Piemonte e venne destinata come casa di riposo per i minatori. Nel 1987, già di proprietà dell’amministrazione comunale iglesiente, venne destinata in parte a uffici e in parte al Comando della Polizia Municipale.
Senza interventi di manutenzione, la struttura diventò, ben presto, inagibile e pericolante.
Nel 2011, grazie a una proposta fatta dall’allora Assessore ai Lavori Pubblici Maurizio Cerniglia, iniziarono gli interventi di restauro e messa in sicurezza di Villa Boldetti. Tutt’oggi, però, la struttura rimane chiusa al pubblico.

Prima di continuare ti voglio suggerire un altro posto imperdibile, nella periferia, di Iglesias: la Grotta Santa Barbara!

parco di villa boldetti La rinascita del Parco di Villa Boldetti
L’Associazione Gremio Vignaiuoli, Tavernai, Calzolai e Armati delle Vigne nasce nel 1993, anno della costruzione del primo Candeliere dei Contadini, presente ogni anno, nella processione di Iglesias del 15 agosto.
Nel ’99 nasce lo statuto, depositato con atto notarile l’anno seguente, nel quale si esprime il voto alla Madre di Tutti, in particolare alla Madonna di Valverde. Quest’anno lo statuto è stato rinnovato insieme all’impegno verso la Madonna e al servizio reso alla comunità.

Nel 2010, con una convenzione stipulata tra il Comune di Iglesias e l’Associazione, per la gestione del Parco di Villa Boldetti che versava in stato di totale degrado, iniziarono i lavori di bonifica e ripristino dell’area verde, la maggior parte realizzati con le offerte donate.

A luglio 2014, il Parco di Villa Boldetti apre le sue porte al pubblico.

Nel 2017, ci fu una modifica agli accordi presi in precedenza, dove l’amministrazione comunale si impegna a provvedere allo smaltimento dei rifiuti verdi e l’intera gestione del Parco di Villa Boldetti è a carico dell’Associazione Gremio Vignaiuoli che ha come finalità, senza scopo di lucro, la valorizzazione del parco cittadino e della sua storia.

parco di villa boldettiAl Parco di Villa Boldetti sono stati effettuati grandi lavori di rinnovamento, come la totale modifica di quella che era la stalla, trasformata nel locale che durante l’anno custodisce il Candeliere. All’interno della stessa stanza è, presente un presepe fisso, al quale annualmente, aggiungono una nuova statuetta realizzata da un’artista di Assemini. Oltre a una galleria fotografica che rappresenta la grande trasformazione che ha interessato gli edifici e le opere di bonifica del Parco. Inoltre si possono trovare tutti gli attestati consegnati all’Associazione Gremio Vignaiuoli per il lavoro svolto.
Quella che, invece, un tempo era la rimessa delle carrozze è diventato un dojo dove si insegnano discipline orientali. Come se non bastasse, hanno costruito anche un locale per l’organizzazione di feste, un percorso ad ostacoli per bambini ed è in progetto anche la costruzione di una voliera. Inoltre, disseminate per tutto il Parco di Villa Boldetti, ci sono panchine all’ombra degli alberi e piccole casette per dare riparo agli uccellini.

Per via della convenzione siglata, l’Associazione Gremio Vignaiuoli, Tavernai, Calzolai e Armati delle Vigne ha l’obbligo di fare, ogni anno, la comunicazione delle offerte all’ufficio protocollo del Comune di Iglesias.

Il Parco di Villa Boldetti, dall’apertura, ha accolto ben 13.000 visitatori.

📍Si trova in via Trexenta 22, a Iglesias. È aperto solo il pomeriggio, il lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 18 alle 20.

Il Parco di Villa Boldetti ha ancora tanto altro potenziale da esprimere. Per questo, ti invito a visitarlo e a lasciare un’offerta all’associazione che se ne occupa. Con il lavoro svolto ha già reso questo parco un gioiellino ma, con il tuo aiuto, può fare tanto altro.

Se ti trovi da queste parti e vuoi visitare la città, ti suggerisco questo itinerario per visitare Iglesias!

Mi auguro di averti dato informazioni interessanti, per questo ti chiedo di valutare il mio articolo con 5 ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️, semplicemente cliccando sul tasto in basso a destra. Per qualsiasi domanda, ti aspetto nei commenti!

PS: ricordati di seguirmi su Instagram @_tripandclick_

3,4 / 5
Grazie per aver votato!