Crea sito

Libri sulla fotografia? Qualche idea su cosa leggere!

libri

Dopo l’articolo sui film riguardanti la fotografia, oggi vorrei citarvi dei libri che parlano di quest’arte. Ma non dei soliti libri di regole e metodi ma vorrei suggerirvi qualche romanzo.

Valentina e la Camera Oscura è un romanzo erotico del 2012 scritto da Evie Blacke.
Valentina, bella e seducente fotografa di moda, si aggira nell’ampio appartamento milanese dove convive con il compagno Theo. Da qualche tempo è particolarmente inquieta perché sente che la sua relazione è vicinissima a una svolta: Theo infatti preme perché siano una vera coppia, mentre lei ha paura di perdere la sua libertà e non riesce ad abbandonarsi completamente a lui.
Quella mattina, però, prima di partire per uno dei suoi misteriosi viaggi di lavoro, Theo le lascia uno strano regalo. Si tratta di un libro contenente una serie di negativi degli anni venti che ritraggono una donna in pose piuttosto erotiche. Che significato hanno? Qual è la storia di quella donna e che cosa le vuole dire Theo lasciandola sola con quelle foto? Quando viene chiamata per realizzare un servizio fotografico nella dark room di un club, il gesto di Theo sembra quasi un segnale: un invito a lasciarsi andare e a esplorare le forme più oscure e inimmaginabili di desiderio, una strada pericolosa, da cui Valentina è stata sempre terribilmente attratta.

E Adesso Guardami è un romanzo erotico del 2013 di Logan Belle (vero nome Jamie Brenner).
Sebastian Barnes non è solo un uomo ricco, colto, attraente e sempre all’altezza della situazione: è anche un fotografo di grandissimo talento, abituato a spogliare le donne con lo sguardo, a dominarle attraverso l’obiettivo. Ed è capace di scoprire la bellezza dove si cela inconsapevole. Regina inconsapevole lo è del tutto. Nasconde le sue forme dietro vestiti scialbi e l’unica cosa che le interessa è farsi apprezzare sul lavoro, alla New York Public Library, dove è riuscita a diventare bibliotecaria, realizzando il suo sogno di bambina. Ma appena Sebastian posa gli occhi su di lei viene conquistato dalla sua incredibile somiglianza con Bettie Page, la più celebre pin-up degli anni Cinquanta. Nelle sue mani, grazie al suo sguardo, Regina scopre a poco a poco la propria sensualità e si concede a tutte le sue fantasie. Tutte tranne una: non vuole posare nuda per lui. Sebastian, che concepisce come unica forma di relazione il dominio ed è abituato al comando nella vita e in camera da letto, deve fare i conti con una donna forte e intelligente, che ha su di lui un grande potere: la desidera, più di chiunque altra mai. E se i ruoli si invertissero? È pronto Sebastian a trasformarsi da dominatore in dominato?

Istantanea di un Amore è un romanzo sentimentale del 2010 scritto da Susana Fortes.
Nella cosmopolita e vivace Parigi degli anni ’30, una ragazza ebrea in fuga dalla Germania nazista incontra un giovane ungherese squattrinato. Lui le trasmette la passione per la fotografia, lei la sua gioia di vivere. Il legame che si instaura è così profondo e intenso che decidono di pubblicare le loro foto usando uno pseudonimo comune: Robert Capa. Con il successo, arriva anche l’opportunità di recarsi in Spagna per documentare la guerra civile che sta dilaniando il paese, ma quell’esperienza drammatica cambierà tutto, per sempre…

La Luce Naturale della Morte è un romanzo thriller del 2012 di Elizabeth Hand.
Cass Neary, squattrinata fotografa newyorkese autrice di un libro di culto, ritorna a casa dal Maine dove è stata testimone delle ultime ore di vita di una famosa artista. Per evitare la polizia che è già sulle sue tracce e vuole interrogarla al riguardo, Cass accetta una strana proposta di lavoro da un collezionista finlandese e lascia il paese. A Helsinki, Cass si trova così a esaminare per lo sconosciuto collezionista l’autenticità di alcune vecchie fotografie, opera di un controverso fotografo di moda noto per il bagliore luminoso e la carica provocatoria dei suoi scatti. Le fotografie, tanto belle quanto inquietanti, rappresentano vittime appena defunte nelle vesti di figure del folklore nordico. Cass è senza fiato: sembra impossibile che siano state scattate sul luogo del decesso, ma è evidente che sono autentiche e non manipolate a posteriori. Svolto il proprio compito e salutato il fotografo, Cass, invece di fare ritorno in America, decide di andare in Islanda a cercare Quinn, l’uomo che forse non ha mai smesso di amare. A questo punto, però, la scia di morte sembra volerla seguire nei boschi islandesi gelidi e fuori dal tempo, dove si nasconde il segreto della luce abbagliante delle foto e degli omicidi che esse ritraggono…

Loro due in Quella Foto è un romanzo autobiografico del 2012 scritto da Hélène Gestern.
Hélène non ha che una vecchia foto a ricordarle com’era sua madre, morta quando aveva tre anni. Un giorno, decisa a saperne di più, comincia a indagare sullo sconosciuto che compare nella foto accanto a lei, ed è così che entra in contatto con il figlio dell’uomo, Stéphane. Nasce una corrispondenza prima cauta, poi sempre più intima, tra due persone che vogliono finalmente conoscere la verità sul proprio passato, e intanto, nel presente, cominciano timidamente a innamorarsi. Decidono, una volta scoperto il tragico segreto che aveva unito i loro genitori, di vivere fino in fondo quell’amore che ai “due nella foto” era stato negato.

Fotografie. Un’indagine tecnologica per il commissario Zarotti è un romanzo giallo del 2010 scritto da Filippo Genzini. Fa parte della collana “I Luoghi del Delitto”.
Un uomo di origini mediorientali viene assassinato in pieno giorno a pochi metri da Piazza della Scala. Uno smacco per la città, la sua immagine e il bisogno dei cittadini di sentirsi sicuri. Quando si scopre che la vittima è un fotografo di fama mondiale, le pressioni sul commissario Zarotti da parte di questore e prefetto aumentano. Nemmeno una trasferta a Londra dove l’artista aveva la sede delle proprie attività e una galleria personale servirà a risolvere l’enigma. Finanziamento al terrorismo oppure a organizzazioni antigovernative operanti nei paesi integralisti islamici, mogli vendicative o amanti disperate? Molte le ipotesi sul tavolo degli investigatori che il commissario dovrà vagliare per assicurare il responsabile alla giustizia. E lo farà avvalendosi delle opportunità offerte dalle moderne tecnologie che giorno dopo giorno ci regalano sicurezza, rubando le nostre immagini e togliendoci la privacy.

Il viaggio di Theodore è un romanzo del 2010 scritto da Bentivoglio Michele.
Il protagonista di questa affascinante vicenda riceve in dono da un conoscente un album di fotografie scattate in Italia negli anni ’20. Ammaliato dal potere delle immagini – reali e riprodotte nel libro – il narratore di questa storia parte in cerca dell’anonimo fotografo parigino autore degli scatti, addentrandosi in un’inchiesta che si trasforma presto in un’appassionante indagine sulle proprie origini e sulla propria identità.

Istantanee è un romanzo narrativo del 2009 di Osvaldo Guerrieri. Fa parte della collana “I Narratori delle Tavole”.
Vi sono a volte delle fotografie che, come autentiche istantanee, catturano il momento cruciale di una vita, l’attimo in cui si scioglie l’enigma di un’esistenza. Osvaldo Guerrieri si sofferma in questo libro su dieci fotografie di scrittori e artisti per svelare appunto il segreto delle loro vite.
Ecco, dunque, Luigi Pirandello nell’atto di compiere un suicidio platonico; Antonin Artaud, che nella via crucis dei suoi manicomi si fa arrostire il cervello da cinquanta elettroshock; Rina Cavalieri, «la donna più bella del mondo», che inspiegabilmente rinuncia alla seduzione e al successo artistico per dedicarsi alla cosmesi e riuscire nella missione impossibile di rendere belle le brutte e desiderabili le scialbe; Louise Brooks, il sogno erotico di Hollywood, impegnata a odiare il cinema, a rinnegare il glamour e a trasformarsi in un vecchio cinese depositario di una indecifrabile saggezza; Ezra Pound che per un lungo decennio cerca soldi e editori per James Joyce esule disastrato e affamato; l’ingegner Carlo Emilio Gadda costretto a mettere da parte la letteratura per dedicarsi alla manutenzione delle latrine vaticane.
Dieci foto, dieci storie in cui i misfatti, le enormità, le bruciature interiori, perfettamente nascoste nel cuore di ciascuno, vengono a galla.
Dieci foto che compongono una «comédie humaine» i cui comprimari, accalcandosi intorno ai protagonisti, si chiamano Ernest Hemingway, Arthur Rimbaud, Sylvia Beach, Jean-Paul Sartre, Erich von Stroheim, Greta Garbo.
Dieci storie che propongono un guizzante, affollatissimo spaccato culturale del primo Novecento, l’epoca in cui Parigi era il centro del mondo e l’America «il nuovo che avanza».

Camera Oscura è un romanzo contemporaneo del 2010 di Simonetta Agnello Hornby.
Sappiamo tutti che Lewis Carroll amava i bambini ed era un grande affabulatore. Di mestiere professore di matematica alla Christ Church di Oxford, talvolta portava le figlie del preside Liddell a fare dei picnic. La piccola Alice Liddell era la sua preferita e per lei scrisse “Alice nel paese delle meraviglie”. Il libro, si sa, fu uno strepitoso successo e Lewis Carroll fu sempre più attorniato dalle sue piccole ammiratrici, che lui, un pioniere della fotografia, amava ritrarre in costumi esotici, in “tableaux vivants” e, dal 1867, anche nude. Tutte le famiglie rimasero soddisfatte delle fotografie delle figlie ignude, fuorché una, che pose fine bruscamente alle sedute. In questo nuovo racconto, Simonetta Agnello Hornby narra la storia di questa amicizia interrotta attraverso gli occhi della bambina ormai cresciuta e della sua compagna Alice.

La Piccola Bottega dei Ricordi è un romanzo del mistero del 2013 scritto da Annelise Corbrion.
Una fotografia è molto più di un oggetto. Spesso custodisce un momento di felicità perfetta ed eterna. Lo sa bene Emma, che nel suo piccolo atelier nel cuore di Londra restaura foto antiche, e ama scrutare quei volti sconosciuti, e restituire ai ricordi degli altri lo splendore che il tempo ha rubato. Quando un giorno uno di quei volti prende vita, Emma pensa di aver bevuto un bicchiere di troppo. Ma l’uomo della foto, scattata nel 1940, le invia dei messaggi chiedendole di compiere per lui una piccola missione: ritrovare il suo primo, unico, grande amore per restituirle la spilla che lui le aveva regalato poco prima di morire. Per Emma questo è solo l’inizio: presto si trova coinvolta in piccole e grandi storie che richiederanno parecchia inventiva per essere risolte. Fino a che uno di quei messaggi non riguarderà proprio lei. Lei e l’affascinante giornalista che ha appena conosciuto. Nel suo passato, Nathaniel nasconde un trauma che gli ha lasciato una cicatrice indelebile. Con una vecchia fotografia di sua madre e le pagine del diario che la donna ha scritto poco prima di morire, Emma deve tentare di scoprire quello che è successo, ma la missione più difficile è convincere Nathaniel che amare è ancora possibile.

Picabo Swayne. Le Storie Della Camera Oscura è un romanzo fantasy del 2011 scritto da Alessandro Gatti e Manuela Salvi.
Siamo in un futuro prossimo. Il mondo è profondamente cambiato. E’ in piena crisi energetica, e la possibilità di usare l’elettricità è circoscritta a casi specifici e limitati. In questo mondo triste e grigio seguiremo le avventure della quasi sedicenne Picabo Swayne, abitante di Coldbay. Da quando la madre è misteriosamente scomparsa (come altri adulti), la ragazza vive col suo gatto a Red Bricks, l’unico quartiere di Coldbay in cui siano riuniti artisti e ribelli contrari e ostili al Governo e allo stile di vita imposto alla popolazione. Una popolazione che, così come dicono i Quattro Reggenti, è ad altissimo rischio per via di alcune polveri tossiche disperse. A causa di questo fenomeno le città sono state isolate le une dalle altre. Anche se tutto pare così strano, tutto incredibilmente forzato. Picabo, però, non vive solo in mezzo ai ribelli, ha anche una particolarità. Possiede, segretamente, una speciale macchina fotografica che pare consenta di vedere il passato e anche il futuro, anche se nessuno sa come farla funzionare in quel senso. Nel momento in cui si viene a conoscenza di questo oggetto, per Picabo cominciano i guai, perché la macchina fotografica è fortemente desiderata. Da quel momento per la ragazza e alcuni amici comincerà un’avventura che la porterà alla ricerca della madre e a scoprire verità impensabili sul mondo, su ciò che è successo, sul Governo e su come stanno veramente le cose. Durante gli spostamenti, che compirà anche nel sottosuolo di Coldbay, incontrerà molte persone. Compreso un ragazzo, Jared, con cui i rapporti si faranno interessanti.

Vertigo è un romanzo giallo del 2012 di Mourad Ahmed.
Al bar Vertigo, locale notturno alla moda, ritrovo per la gente che conta del Cairo, Ahmed Kamàl assiste per caso all’omicidio di due noti uomini d’affari. Fotografo di professione, imprime le immagini della strage sulla pellicola, ed è pronto a farle pubblicare, ma si rivolge al giornale sbagliato: i media del paese sembrano puntare a molta apparenza e poca verità. Intrappolato in una rete di giochi di potere, Ahmed per un po’ trova riparo in un locale notturno, popolato da ballerine del ventre e attricette in cerca di gloria, accanto a uomini d’affari e politici: gente influente, persone che al mattino sulle pagine dei giornali sono nemiche, e di notte diventano alleate nel gioco delle parti, tutte riunite nello stesso locale in cerca di donne e alcol, a ostentare la propria ricchezza.

Luce Proibita è un romanzo del 2011 scritto da David Rocklin. Fa parte della collana “Le Tavole D’Oro”.
Ceylon, 1830. Eligius ha solo 15 anni quando rimane orfano del padre, ucciso mentre cercava di sostenere la causa della sua gente colonizzata dagli inglesi. Fiero e orgoglioso, estremamente intuitivo ma anche sensibile al fascino del mondo occidentale, Eligius entra a servizio presso una famiglia di coloni, i Colebrook, composta dal capostipite, Charles, ormai anziano e malato, dalla moglie Catherine, molto più giovane di lui, e dalla figlia Julia, promessa sposa al figlio del governatore Winfield. Altera e algida, enigmatica e affascinante, utilizzando una strumentazione primordiale, Catherine si cimenta nell’arte della fotografia. Cattura le immagini, suscitando stupore e meraviglia intorno a sé. I risultati sono strabilianti, tanto che la sua fama giunge fino a Londra. Eligius osserva, con estrema attenzione e sincero interesse. Impara le tecniche, sa come preparare l’occorrente per scattare una fotografia, come avere cura delle lenti del telescopio. Conosce gli strumenti, la loro funzione, la loro delicatezza. Al punto da scattare una foto a se stesso insieme a Julia, di cui si innamora, forse ricambiato, fin da subito. Una foto destinata a catturare per sempre un fuggevole attimo di felicità suggellato da un bacio destinato a rimanere unico e irripetibile. Di lì a poco, infatti, si abbatte la tragedia della storia sulla famiglia Colebrook e su Eligius. Accecato dalla brama del potere e della ricchezza, il governatore Winfield scatena una vera e propria guerra civile. I villaggi vengono completamente devastati negli scontri tra i soldati e i rivoltosi. La dimora dei Colebrook viene messa fuoco e Charles muore. L’unica possibilità di salvezza per i coloni superstiti è la fuga, su un bastimento pronto a salpare per Londra da Port Colombo. Catherine e Julia Colebrook salgono sulla nave. Ma non Eligius. Il suo destino non è quello di seguire i Colebrook.

Autoritratto di un Fotografo è un saggio del 2011 di Ferdinando Scianna.
“Il mondo, la vita, le persone mi appassionano. Li fotografo per cercare di conoscerli, per conoscermi, per esprimere i pensieri, i sentimenti, le emozioni che mi suscitano. Per conservare una traccia. Per me la fotografia è racconto e memoria.”

La Mia Fotografia è un libro fotografico di Grazia Neri.
L’agenzia Grazia Neri è stata una delle più importanti agenzie fotografiche d’Italia e del mondo. Questo molti lo sanno, e sanno che in quella agenzia sono passati i più grandi nomi della fotografia. Eppure sono pochi a sapere che Grazia Neri non è una fotografa. Forse è anche per questa confusione che Grazia Neri ha deciso di raccontare in cosa consiste il suo lavoro, quanta passione e quanta esperienza ha macinato nel costruire un archivio che per più di quarant’anni ha servito con eleganza, efficacia e tempestività la stampa italiana. In questo volume, Grazia Neri racconta come si è mossa, con autorevolezza e levità, nell’ambiente dell’arte e della cultura; racconta gli incontri eccellenti, le amicizie professionali, l’amore per la fotografia di attualità, la lettura dei ritratti, le sue passioni letterarie. Racconta, con un tocco di humour e nostalgia, l’infanzia solitaria e piena di libri, l’euforia del dopoguerra, la Milano borghese e imprenditoriale degli anni cinquanta. Come accade nelle ricognizioni narrative di chi ha molto vissuto, ci si trova, progressivamente, dettaglio per dettaglio, a navigare dentro uno scenario amplissimo che è certamente una storia finalmente sprovincializzata degli italiani, e insieme la storia dell’età dell’oro della fotografia. Il volume è accompagnato da novantacinque fotografie, alcune celeberrime, tutte significative, che Grazia Neri rilegge con la straordinaria sensibilità estetica di un sismografo sociale.

La Mia Vita Intera è un libro autobiografico di Mario Giacomelli del 2008.
La vita di Mario Giacomelli è stata quella di un uomo speciale, ma di un uomo, prima ancora di essere quella di un celebre fotografo conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Un uomo con le stesse paure di milioni di altri uomini, con le stesse domande senza risposte; una persona che nella vita ha affrontato nascite e morti, e che ha avuto gli stessi problemi di tutti i giorni di chiunque altro. Un’esistenza sensibile, che ha scelto la strada della fotografia e della poesia, con le quali egli ha condiviso la sua vita in modo semplice -non facile – puntando al cuore delle cose, alla sostanza; un uomo che ha evitato il superfluo, che è uscito dalla “folla” con le sue immagini apprezzate in tutto il mondo, che ha sempre preferito, alle pubbliche relazioni e alla vita dei grandi centri d’arte del mondo, la pace della sua piccola città e il profilo dolce delle sue colline, che non ha mai smesso, fino alla fine, di fotografare.

Avventura di un Fotografo è un racconto del 1970 di Italo Calvino. Fa parte della raccolta “Amori Difficili”.
L’avventura di un fotografo tratta le difficoltà di comunicazione legate al medium fotografico.

Avete letto qualcuno di questi libri? Fatemi sapere nei commenti se conoscete altri libri e cosa ne pensate di questi che vi ho citato.

Buona lettura!