assicurazione
and

Assicurazione sanitaria: differenze tra l’Europa e il resto del Mondo

L’assicurazione sanitaria è un documento che permette di avere diritto gratuitamente alle prestazioni fornite dal sistema sanitario del paese che si sta visitando.

È sicuramente un punto da non sottovalutare quando si organizza un viaggio fai da te.

In Italia, come nel resto degli stati appartenenti all’Unione Europea, basta la T.E.A.M (tessera europea di assicurazione malattia) per accedere all’assistenza sanitaria statale. È un documento plastificato, della durata di 6 anni, che viene rilasciato gratuitamente, dall’Agenzia delle Entrate, a tutti i cittadini italiani iscritti al Servizio Sanitario Nazionale (SSN).
In questo modo, tutte le persone che avessero necessità (anche se si trattasse di un ricovero) possono accedere alle cure mediche nel paese in cui si trovano, come se fossero residenti, e senza pagare niente (escluso il ticket che di solito corrisponde al 20% della prestazione).

I paesi nei quali è possibile sfruttare la Tessera Sanitaria Europea sono: Italia, Spagna, Francia, Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Austria, Belgio, Irlanda, Bulgaria, Danimarca, Germania, Finlandia, Estonia, Lituania, Lussemburgo, Grecia, Ungheria, Malta, Polonia, Portogallo, Romania, Croazia, Cipro, Lettonia, Slovenia, Slovacchia e Svezia. Inoltre, si ha diritto ad avere prestazioni sanitarie gratuite anche negli stati dell’EFTA, ossia: Svizzera, Lichtenstein, Norvegia e Islanda.

In alcuni casi è possibile che le cure solitamente gratuite in Italia, nei paesi visitati, non lo siano. Conviene informarsi bene prima di partire. È possibile che le prestazioni, in qualche circostanza, non siano coperte dalla T.E.A.M come: le cure programmate (interventi decisi in precedenza) e le prestazioni sanitarie ricevute da cliniche private.
Specifico un’altra cosa: la T.E.A.M. copre solo le cure relative al problema che si presenta al momento all’assistito. Per esempio le spese di rimpatrio del convalescente o dell’accompagnatore non sono coperte.

Assicurazione sanitaria: quando è consigliato stipularla
Per quanto riguarda i Paesi fuori dall’area Schengen, la questione sull’assistenza sanitaria cambia notevolmente.

Alcuni Stati extraeuropei hanno stipulato una convenzione sanitaria con l’Italia, questi paesi sono: Argentina, Australia, Brasile, Capo Verde, Città del Vaticano, Ex Jugoslvia, Principato di Monaco, San marino e Tunisia. In questi stati è possibile fruire dell’assistenza sanitaria diretta solo con la Tessera Sanitaria ma…
Attenzione: questi accordi non assicurano l’assistenza gratuita a tutte le categorie di persone. Per esempio, in Argentina l’assistenza con la T.E.A.M è valida solo per i cittadini pensionati e loro familiari.

Quindi fuori dall’Europa è sempre consigliato, anzi direi necessario, stipulare un’assicurazione sanitaria che copra da tutti i problemi che possono capitare, anche se si tratta di un breve periodo di vacanza.

Inoltre molti paesi, senza una polizza assicurativa in corso di validità non rilasciano il visto per poter visitare il Paese. Perché precludersi un’opportunità solo per un piccolo cavillo?

Consiglio spassionato: stipula l’assicurazione prima della partenza, così da essere sicur* di essere protett* per tutti i problemi che possono crearsi in un viaggio.

Tipi di assicurazione
Esistono 2 tipi di assicurazione viaggio:
1. Viaggio singolo: l’assicurazione inizia il giorno che parti per la tua destinazione e termina il giorno di rientro, ed è valida solo per il paese che si decide di visitare. La tempistica massima di validità è 30 giorni;
2. Durata annuale: si stipula una volta e vale un anno dalla data di inizio del primo viaggio, inoltre verrà richiesta l’area geografica nella quale avrà validità. Mi raccomando, se in un anno, hai l’intenzione di visitare l’America, il Giappone e l’Australia, al momento della stipula, seleziona tutti i paesi.

Il prezzo
Ogni compagnia assicurativa ha la facoltà di decidere il proprio prezzo in base ai servizi che offre. In linea di massima, online potrai fare preventivi e visualizzare la compagnia che ti offre di più al minor prezzo. Se vuoi accettare un coniglio però: valuta bene tutto quanto e abbi pazienza, troverai sicuramente una buona assicurazione con un ottimo qualità-prezzo ma non stipulare la prima che ti capita a tiro.
Ps: non dimenticare di leggere le recensioni e cercare qualche codice sconto.
Spesso le compagnie di assicurazioni li rilasciano agli influencer, per concederli alla loro community ed ottenere uno sconto che non guasta mai.

Massimale e franchigia
Queste due caratteristiche sono due delle più importanti per una buona assicurazione, se non forse le più importanti: massimale è la cifra massima che l’assicurazione copre in caso di infortunio mentre la franchigia è la parte dei costi che sarebbe a carico dell’assistito.
Il massimale e la franchigia entrano in causa soprattutto quando si parla di assicurazione sanitaria, responsabilità civile o per il furto/smarrimento del bagaglio.
È bene sapere che quasi tutte le polizze hanno la possibilità di alzare il massimale e azzerare completamente la franchigia pagando un supplemento.

Quale assicurazione di viaggio scegliere?
Partiamo dal presupposto che online ci sono tantissime agenzie che forniscono questo servizio. La cosa più importante prima di scegliere la polizza è leggere attentamente le “condizioni generali”. È essenziale leggerle dato che ha valore legale e vengono spiegate tutte le varie coperture, le situazioni di non validità della polizza e le franchigie.

Alcune caratteristiche che un’assicurazione sanitaria deve avere:
le spese mediche: la cifra non deve essere inferiore al milione di euro anzi meglio se le hanno illimitate. Se fai un salto in America e malauguratamente ti rompi un piede, meglio che il massimale sia elevato perché lì, le spese mediche, costano un occhio della testa;
il rientro in patria del convalescente: se non puoi tornare con il mezzo che avevi scelto tu a causa di una malattia o di un infortunio avrai un mezzo differente coperto dalla polizza;
le spese farmaceutiche e odontoiatriche;
il trasporto sanitario: per cambiare struttura sanitaria in caso di necessità;
copertura civile: nel caso in cui dovessi essere protett* da danni causati involontariamente a cose o persone, come per esempio un incidente stradale.

Ci sono alcune polizze che oltre a fornire l’assicurazione sanitaria, danno, compreso nel prezzo, copertura anche per lo smarrimento del bagaglio e l’annullamento del viaggio.

Inoltre, se hai bisogno, ci sono anche delle assicurazioni extra che puoi stipulare, per esempio, per la tua attrezzatura elettronica o per quella sportiva.

1,0 / 5
Grazie per aver votato!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *